Caricamento in corso
I racconti "brevissimi di Energheia"

I brevissimi 2015 – Deposizione. Omaggio a Caravaggio, di Paola Fabris, Schio(VI)

 _Anno 2015 (I sette peccati capitali – L’Ira)

parlamento2

All’inizio era solo corpo. Fu poi, con il tempo, che  vennero le parole.

Si scagliava, in completo silenzio, solo il respiro ansimante e qualche grugnito ad accompagnare l’esplosione di energia caricata in ogni cellula e fatta ciecamente esplodere, a viso stravolto, in un vorticoso agitare di arti, sgranare di denti, serrare di pugni, irrigidire di mandibola, infuocarsi di occhi. Scottava, alla fine, e, quindi , si scioglieva in un freddo sudore, a ricordare il bollire delle carni. Come spirito, saliva attraverso le viscere e fuoriusciva in un eruttare pulsante per poi gelarsi di immobilità.

Alla fine, una immagine a fare da compagna. Visione stampata sugli occhi sbarrati, quadro che  detta il respiro fagocitandone l’anima. Dipinto di  scuro con  rosso sangue al centro, drappo, strascico strisciante a terra,  colare di vita iniettata e subito  squarciata da una luce che interrompe il buio della notte, che svela il visibile,  bianco  funebre che adagia il corpo esangue sulla pietra tombale, letto marmoreo della resurrezione.

Attorno volti e corpi di donne e uomini: il dolore, la pena, la disperazione, la vergogna e,  la rabbia.

Quest’ultima, la rabbia, unico coraggio che sa affrontare a viso aperto,  dice che si dovrà morire ancora una volta, più volte, ripetere la tragedia innumerevoli attimi per poter dal verbo, alla fine, risorgere.

All’inizio era solo corpo. Fu poi, con il tempo e la pazienza, che  le parole furono insegnate.

Fu l’atto di un misericordioso che  schiodò il corpo dalla sua personale croce e, carico di tutta l’ira che viene dal testimoniare quello stato,  accompagnò con infinita cautela il riappropriarsi della storia che  aveva travolto permeando ogni singola particella del  corpo e dell’ anima in modo  asservito alla convulsiva e compulsiva esplosione. Fu un lungo percorso, fatto di passi danzanti, di un avanzare e recedere, sviluppare ed avvolgere. Un sofferto cammino di ritorno dall’esilio, un dettare di incipit che chiedevano uno svolgimento.

Lo depose, quel corpo, e lo convinse a deporre. Confessare a parole tutta la sofferenza che gli scatti infuocati  avevano da sempre raccontato, celandola.

Solo allora potemmo tutti notare la donna violentata, la bambina abusata, il giovane emarginato, il povero affamato, la vecchia derisa, il padre offeso, la madre aggredita, lo straniero respinto, l’ammalato abbandonato, la prostituta invecchiata e cominciare ad intuire  tutte le storie di quelli che ancora non hanno  parole per dirle.

Alla fine fu solo la Deposizione.  Una immagine fissata nel suo dinamico racconto di dolore, pena, disperazione, vergogna e ira arrabbiata che ci guarda negli occhi e non intende abbassare il capo a nascondere le colpe.