Caricamento in corso
Rassegna Stampa

Energheia Africa Teller vince Fanis Odhiambo

Il Quotidiano – Mercoledì 12 maggio

È Fanis Odhiambo, ventiquattrenne di Nairobi, con il racconto “Love conquers” (L’amore conquista) la vincitrice della quarta edizione del premio letterario Energehai Africa Teller.
La scrittrice sarà presente a Matera sabato 15 maggio alle 19.30 a Palazzo lanfranchi nel corso della cerimonia di premiazione di Energheia Africa Teller.
Il premio, nato cinque anni fa su iniziativa dell’associazione culturale Energehai di Matera, si rivolge ai ragazzi del continente africano: in questo modo, protagonista è l’Africa in una delle dimensioni, quella letteraria, meno conosciuta e sicuramente lontana dai cliché con i quali siamo abituati a considerarla. In primo piano, infatti, grazie all’associazione Energheia non è l’Africa delle guerre, della violenza e della povertà ma un’Africa dignitosa e con tanta voglia di raccontarsi, un Continente che riesce a regalare spunti culturali inaspettati e sorprendenti con elaborati ricchi di fascino e suggestioni lontane.
Alla quarta edizione del premio hanno partecipato 220 racconti scritti da ragazzi di età compresa dai 20 ai 24 anni residenti prevalentemente in Kenya. Scritti in inglese o francese, i racconti sono stati letti e selezionati da un comitato di lettura. I finalisti sono stati esaminati dalla giuria composta da Nicoletta Dentico (giornalista, già direttore generale della sezione italiana di medici Senza Frontiere); Raffaele Masto (giornalista, lavora nella redazione esteri di Radio Popolare) e Anna Vanzan (scrittrice, capo redattrice della rivista Afriche&Orienti).
È stato Love conquers, un racconto che indugia nelle descrizioni tanto dei paesaggi quanto degli animi dei protagonisti, ad aggiudicarsi la vittoria.
Una sorta di leggenda, narrata senza enfasi, in cui è l’amore dei nipoti Nguvu e Imani a fare in modo che la decisione sbagliata di nonno Hasira non abbia conseguenze drammatiche. Ogni parola è scelta con cura. Per poter realizzare il premio, Energheia si è avvalsa della collaborazione di Amani (pace in Kiswahili) un’associazione laica presieduta da Padre Renato Kizito Se sana, missionario comboniano che interverrà durante la cerimonia di premiazione. Amani, un’organizzazione non governativa, si impegna particolarmente a favore delle popolazioni africane.
I racconti finalisti della quarta edizione del premio Energheia Africa Teller sono raccolti nell’omonima collana. Il ricavato della vendita del libro contribuirà a sostenere le iniziative dell’associazione Amani.