Caricamento in corso
Rassegna Stampa

Con il premio letterario, che si concluderà a settembre, l’associazione punta sui ragazzi

Il Quotidiano – Martedì 13 agosto

Energheia, la creatività è giovane

L’associazione culturale Energheia è nata a Matera nel 1989. I suoi componenti sono ragazzi che, con innata passione, le hanno permesso di raggiungere mete importanti nell’ambito culturale.
Le attività di Energheia spaziano dalle presentazioni dei libri alle rassegne di murales e cortometraggi, dai corsi di scrittura creativa ai premi letterari: e sono proprio questi ultimi che hanno dato all’associazione materana un’eco tale da varcare i confini nazionali.
Infatti, se il premio letterario Energheia, all’ottava edizione, può definirsi la conferma del prestigio che l’associazione ha in Italia, il premio Energheia Europe, rivolto a scrittori della Francia e dell’Ungheria e il Premio Africa Teller, per scrittori del Kenya e dell’Etiopia, sottolineano l’importanza e il significato assunti negli anni dalla lungimiranza degli organizzatori.
In tutto questo, il valore aggiunto è nell’attenzione particolare che Energheia rivolge ai giovani, per infondere loro interesse nei confronti della scrittura, per fare in modo che la loro voglia di comunicare non si areni esclusivamente dietro forme più immediate ma meno affascinanti.
Felice Lisanti coordinatore del settore letterario di Energheia, illustra di cosa si sta occupando Energheia attualmente: “Per l’ottavo Premio Energheia, il 14 settembre sarà proclamato il vincitore. E’ dallo scorso autunno, con la pubblicazione dei bandi di concorso, che Energheia ha dato inizio alla nuova edizione del Premio. Sono pervenuti circa duecento racconti da ogni parte d’Italia, la diffusione del bando è stata capillare, lo abbiamo inviato alle maggiori biblioteche e licei della Penisola. Agli inizi di giugno il comitato di lettura, composto da centotrenta persone, ha cominciato a leggere e valutare gli elaborati e proprio in questi giorni sarà possibile conoscere i dieci finalisti che si contenderanno la vittoria”.
E non è solo per l’ambito letterario che sarà scelto il miglior racconto ma anche per quello cinematografico: “A settembre – continua Lisanti – si riuniranno a Matera due giurie, composte da personalità di rilievo del panorama culturale nazionale. DI queste, una designerà il racconto cui assegnare il premio letterario e l’altra il miglior racconto da sceneggiare cui ispirare la successiva produzione di un cortometraggio che l’associazione realizzerà entro la prossima primavera”.
L’associazione, per il terzo anno, ha pensato anche ad un Premio Telematico “I Brevissimi – Domenico Bia”, non è altro che la versione web del Premio letterario con qualche variante. “Le battute non superare le 4000 – afferma Lisanti – e bisogna essere conformi al tema proposto da Energheia, per la presente edizione infatti i protagonisti sono i “Suoni”. Ma la caratteristica di rilievo, che ogni aspirante scrittore non dovrebbe sottovalutare, è l’esclusiva possibilità che viene offerta ai partecipanti: essere letti da un comitato di lettura che, come tutte le fasi del Premio, opera via internet ed è quindi composto da numerose persone”.