Caricamento in corso
Appunti di viaggio

Il Premio letterario Energheia con la parola scritta in primo piano.

_ Associazione Energheia_

Dieci candeline per il Premio letterario Energheia con la parola scritta in primo piano, come sempre, in percorso lungo dodici anni. Il bilancio per l’associazione Energheia è positivo perché al nostro entusiasmo, alla nostra voglia di metterci in gioco con nuovi modi di fare cultura continua ad esserci una risposta più che soddisfacente.
E così, ancora racconti, da tutta Italia e non solo, senza porre freni alla fantasia, senza limiti di età. Anche se, lo abbiamo sempre ammesso, un occhio di riguardo è nei confronti dei più giovani con una sezione a loro interamente dedicata. Perché l’obiettivo, al di là della promozione della parola scritta, è proprio quello di fare in modo che siano i ragazzi ad appassionarsi alla scrittura. Quasi con leggerezza e in una maniera, sicuramente, meno seriosa rispetto a quanto accade tra i banchi di scuola per scoprire il piacere di scrivere.
E se per qualcuno, giovane o adulto che sia, può significare mettersi alla prova, per altri – così come è accaduto in passato proprio con il nostro Premio – può diventare un inaspettato trampolino di lancio: i racconti, vincitori e finalisti, raccolti nell’antologia proseguono quasi all’insaputa dell’autore la loro corsa verso altri traguardi. I racconti di Energheia raggiungono biblioteche, scuole, librerie, università… si fanno leggere e conoscere.
La carta vincente dei componenti di Energheia è la passione per la cultura nelle sue molteplici forme: e così, come testimonia il Premio, le parole dei racconti diventano sceneggiature e poi immagini di cortometraggi; un Premio letterario può anche svilupparsi e consolidarsi on line, come i Brevissimi, rivolto al popolo telematico.
E accade anche che un’iniziativa nata e cresciuta in una città come Matera che è un piccolo gioiello in quanto a storia e cultura, riesca pian piano ad approdare con successo in altre realtà – Africa, Francia, Ungheria, Israele – geograficamente lontane ma rese vicinissime grazie alla possibilità di essere legate la Premio letterario.