F. Festa, Notizie storiche della città di Matera_1875.

Un testo risalente al 1875 di Francesco Festa sulla storia della Città, sui suoi uomini più illustri, sugli arcivescovi e sulle parrocchie, monasteri e chiese presenti, conservato nella Biblioteca del Museo Domenico Ridola e disponibile in diverse versioni digitali.

Francesco Festa, Notizie storiche della città di Matera epub

Un testo risalente al 1875 di Francesco Festa sulla storia della Città, sui suoi uomini più illustri e sulle parrocchie, monasteri e chiese presenti, conservato nella Biblioteca del Museo Domenico Ridola e disponibile in diverse versioni digitali.

Francesco Festa, Notizie storiche della città di Matera pdf

Un testo risalente al 1875 di Francesco Festa sulla storia della Città, sui suoi uomini più illustri e sulle parrocchie, monasteri e chiese presenti, conservato nella Biblioteca del Museo Domenico Ridola e disponibile in diverse versioni digitali.

 

Francesco Festa, Notizie storiche della città di Matera mobi

Un testo risalente al 1875 di Francesco Festa sulla storia della Città, sui suoi uomini più illustri e sulle parrocchie, monasteri e chiese presenti, conservato nella Biblioteca del Museo Domenico Ridola e disponibile in diverse versioni digitali.

 

Francesco Festa, Notizie storiche della città di Matera azw3

Un testo risalente al 1875 di Francesco Festa sulla storia della Città, sui suoi uomini più illustri e sulle parrocchie, monasteri e chiese presenti, conservato nella Biblioteca del Museo Domenico Ridola e disponibile in diverse versioni digitali.

 

Nel solco del canonco Nelli, del Volpe e dell’arciprete Contini, Francesco Festa si propone di serbare e diffondere le “poche reliquie storiche della nostra Matera”. Nella prima parte dell’opera, pubblicata nel 1875, Festa tratta delle origini della Città e del suo nome, e ne ripercorre la storia “dall’epoca delle romane repubbliche, e delle guerre civili”, per finire con Carlo IV, “col primo cioè di quella dinastia che tenne fino ai nostri tempi [1860] il regno delle due Sicilie”. La seconda parte è dedicata agli uomini illustri della città di Matera; la terza alle parrocchie, alle chiese e ai monasteri. La quarta parte è costituita dal “catalogo” degli Arcivescovi della Cattedrale di Matera.