Escursione a Murgia S. Andrea_Vallone della Loe. Il luogo

L‘associazione Energheia, per ringraziare quanti in questi anni hanno seguito le nostre iniziative, ha organizzato una passeggiata gratuita sulla Murgia S.Andrea_Vallone della Loe per lunedì 26 dicembre 2011, con partenza alle ore 9.00 da Piazza San Francesco d’Assisi a Matera.

Chi volesse partecipare alla passeggiata, può inviare una e.mail al seguente indirizzo di posta elettronica:
energheia@energheia.org
oppure al mob. 347.1286099
Il luogo più affascinante della murgia materana, caratterizzato da forre e gravine ricco di vegetazione e insediamenti rupestri arcaici.
Dove è possibile ancora  apprezzare il silenzio della gravina e leggere la durezza dei segni dell’abitare nelle rupi.
Descrizione dell’itinerario
L’itinerario si snoda nella parte del parco della murgia materana in agro di Montescaglioso, in direzione masseria Irene. Percorrendo un sentiero che si inoltra per circa 400 metri, nel cuore della macchia mediterranea, si raggiunge il ciglio della gravina fino a raggiungere l’imponente casale rupestre appartenuto all’Abbazia di S. Angelo di Montescaglioso. Il complesso comprende un elevato numero di ambienti ipogei destinati a ricovero di piccole comunità di pastori e animali. Tra la vegetazione e i dirupi a picco nel vallone sono presenti alcune chiese rupestri. Proseguendo lungo una gradinata che permette di attraversare il Vallone della Loe, superato il fondo, troviamo il santuario rupestre della Madonna della murgia.Per secoli punto di riferimento della comunità rurale di Montescaglioso (documenti storici testimoniano la sua esistenza sin dall’XI secolo, col titolo di S. Maria della Palomba ), Madonna della murgia è conosciuta anche sotto il nome di Madonna della Loe. Scavata nella pietra ma alterata nelle sue forme originarie dai continui rimaneggiamenti nel corso dei secoli, presenta una facciata in muratura. Dell’impianto originario permangono un pilastro che pende dalla volta, due cavità absidali e l’altare sinistra, ai lati della chiesa si aprono due ambienti sepolcrali con numerose tombe. Il percorso continua lungo la Gravina di Selva Venusio e dopo circa 300 metri si incrocia una gradinata che scende per uno dei casali più affascinanti del materano. Si sviluppa per più livelli lungo il fronte della gravina, dando modo di visitare la Cripta di S. Eustachio.
Lungo il percorso non sono previste spiegazioni di carattere … filosofico.
Abbigliamento consigliato a seconda delle condizioni meteorologiche della giornata, scarpe da trekking o da ginnastica, giacca a vento leggera, riserva di acqua e frutta.
Partenza da Matera: ore 09.00 piazza San Francesco con mezzo proprio.
Durata escursione: circa 4 ore (soste comprese).
Difficoltà: percorso non faticoso con qualche difficoltà
Norme di comportamento: Ci troviamo in un’area protetta è richiesto il massimo rispetto dei luoghi (flora, fauna, fossili)