Email medica: Amore Innocente, Omnia Ghassam Abu Swiereh

Racconto vincitore Premio Energheia Palestina 2017

 

Cara Soha,

Ora apprezzo il grande lavoro che hai fatto per curare Bara’aa. Quanto pazientemente hai affrontato la sua testardaggine e la sua tristezza. Sei una fantastica psichiatra. So che sei sempre stata curiosa della sua intera storia. La storia dettagliata che non ha mai rivelato a nessuno tranne me. Non mi sto vantando o esibendo, ma lei non è quel che si definisce una persona loquace. Quindi, in questa e-mail rivelerò le parti oscure della sua storia per dirti grazie per ciò che hai fatto.

Ho incontrato Bara’aa al secondo anno di college. Entrambe stavamo studiando Educazione Araba. Siamo diventate amiche dalla prima volta che ci siamo incontrate. È una persona brillante e deliziosa. Il suo sorriso non le abbandona mai il viso. E arrossisce facilmente. Chiunque la incontri si innamora di lei, proprio come me. Il suo nome è Bara’aa (= innocenza) e lei è innocente. È il nome giusto per lei.

Una volta, mentre stavo uscendo dall’università e cercavo un passaggio, è uscita da un taxi e mi ha chiamata. Viveva al campo di Al Nusirat come me. Mentre la macchina si muoveva, una canzone passò alla radio.

Mi ha chiesto, “Conosci questa canzone Layla?”

“No”, ho detto.

Con una voce piangente bassa e triste disse: “Questa canzone significa molto per me”. Abbassò la testa e continuò: “Mi ricorda una persona molto cara al mio cuore”.

Ho risposto meravigliata, “Oh !!”

E fu allora che mi raccontò la sua storia. È come se volesse terribilmente parlare della sua disperazione, ma non voleva che nessuno la compatisse. Forse non mi avrebbe raccontato nulla se la canzone non fosse passata alla radio.

Disse: “Nel secondo anno di scuola superiore, mio ​​cugino si è dichiarato: era all’ultimo anno, a volte uscivo di casa di nascosto per incontrarlo”. Lei sorrise come se ogni piccola cosa che avevano vissuto, stesse passando davanti ai suoi occhi. Fece un respiro profondo e continuò: “Veniva a trovarci ogni giorno, quando entrava nella nostra casa, la prima cosa che faceva era cercarmi senza prestare attenzione al resto dei miei familiari”.

Sentivo amore e passione nel suo discorso. Tutti nella loro famiglia apprezzavano il loro puro amore appassionato e nessuno è stato in disaccordo o lo ha mai contestato. Anch’io, mi sono innamorata solo ad averne sentito parlare. Ho visto il desiderio nei suoi occhi. Un misterioso triste desiderio.

“All’improvviso, ha smesso di venire a trovarmi, non sapevo nemmeno perché, continuavo a chiamarlo, e ogni volta diceva con voce spezzata che era stanco e non poteva alzarsi dal letto”. “Passarono tre mesi. Mio padre andò a fargli visita ma non si sarebbe mai aspettato di assistere a quella scena, non avevamo mai pensato che fosse davvero malato, era magro e pallido come un cadavere. Dato che mio padre è un medico esperto sapeva sin dal primo sguardo di cosa stava soffrendo Hosam. ”

Le lacrime iniziarono a riempirle i suoi grandi occhi, così dissi, “Non parlarne se ti fa star male.”     Scosse la testa e continuò a parlare: “Fu trasferito in un ospedale a Gerusalemme per un trattamento più appropriato, saltò persino il suo ultimo anno scolastico e gli diagnosticarono una leucemia mieloide”.   Cercava così a fatica di nascondere le sue lacrime, ma io le notai. Sentivo la sua voce tremante. Sentii il suo dolore come se fosse il mio. Davvero.      “È rimasto a Gerusalemme per sei mesi, preparai le mie cose per seguirlo, ma la fine del Ramadan era alle porte, così suo padre lo riportò a casa per passare le feste con noi”, deglutì. “Un giorno dopo l’Eid, era davvero stanco, disse a suo padre che sarebbe andato a dormire e gli chiese … di non … svegliarlo …” Silenzio. È rimasta zitta. Capii il suo silenzio e le lacrime mi riempirono gli occhi. Stava piangendo e si sforzava di pronunciare le parole “E … e … non si è mai più svegliato”. Si coprì gli occhi con le mani e pianse in silenzio.La pioggia stava cadendo copiosamente in quella fredda giornata invernale proprio come le sue lacrime. La guardai. Non avrei mai creduto che questa ragazza brillante e innocente avesse vissuto questo tipo di esperienza. Quanta tristezza aveva nel suo cuore. Era così coraggiosa da sopportare la sua tristezza e nasconderla dietro il suo innocente sorriso. Come un uccello martoriato che balla di dolore. Non ho mai pensato o immaginato di vederla in questo stato.      Dopo essersi calmata, continuò esitante: “Quel giorno stavo tornando da una lezione privata, mi stavo preparando per gli esami finali dell’ultimo anno delle superiori, ho ricevuto quella chiamata, sono svenuta in mezzo alla strada. ”   Io, l’ascoltatore, ero completamente avvilita. Come aveva fatto a vivere questa dolorosa esperienza. Da quel giorno, sono passati quasi due anni dalla sua morte, lei lo ama ancora come se fosse il giorno prima. È morto, ma il suo amore per lui non lo sarà mai.   Una volta mi disse che suo padre voleva che diventasse un medico brillante, ma lei rifiutò. Penso che forse abbia avuto paura di incontrare persone con lo stesso caso che le avrebbero ancora di più indebolito il cuore.   Mi sono sposata, poi sono rimasta incinta, ma lei era ancora single. Era pronta a vivere il resto della sua vita vivendo dei loro ricordi.      “Tutto mi ricorda di lui, le strade che abbiamo percorso insieme, i luoghi che abbiamo visitato insieme, lui è dappertutto, il suo profumo, il suo odore, il suo tocco, il suo sorriso, i suoi occhi abbaglianti quando guardavano i miei. andare avanti? Non posso andare avanti … Io … SEMPLICEMENTE … NON POSSO, “In modo stridulo e deciso la risposta le usciva dalla bocca quando litigavo con lei.   Abbiamo litigato e discusso molto. Non si tratta dell’idea del matrimonio, ma volevo davvero che lei andasse avanti. Quindi le ho consigliato di farti visita. Ti ho detto che non poteva andare avanti a causa della morte del suo fidanzato, che era l’unica cosa di cui eri a conoscenza. È stato così difficile convincerla a farlo. Alla fine è venuta da te e con le tue incredibili capacità e abilità l’hai convinta dopo un sacco di sforzi.   Grazie, Soha. Apprezzo ciò che hai fatto dal profondo del mio cuore. Anche lei. Mi ha detto di invitarti alla sua festa di matrimonio. Era così imbarazzata e non osava parlarti dopo quello che hai passato mentre cercavi di aiutarla. Inoltre, mi ha chiesto di raccontarti la sua storia completa. Così ho fatto.  Vieni Soha. Non vede l’ora di rivederti. Vieni Soha. Mi manchi.Cari saluti,Layla