Caricamento in corso
Rassegna Stampa

Il miglior racconto da sceneggiare è stato “Storia di un genio” dello scrittore torinese Lapo Fanciullo

La Nuova Basilicata – Lunedì 15 settembre

Concluso il premio Energheia

Primo il racconto di Giulia Balzano “Senza nulla guardare”, a Galero il premio telematico

E’ Giulia Balzano, con il racconto “Senza nulla guardare”, la vincitrice della nona edizione del premio letterario Energheia.
Felice la ventinovenne autrice: “Avevo già partecipato al premio Energheia due anni fa. Anche allora ero entrata nella rosa dei dieci finalisti (dal suo racconto intitolato “Triade divina”, è stato tratto il cortometraggio “Boschi”). Purtroppo non mi era stato possibile partecipare alla serata della proclamazione del vincitore. Questa volta, ho voluto esserci. Ed ho vinto. Non mi sembra vero. Ho incontrato molte difficoltà per raggiungere Matera dalla Sardegna, a causa dei collegamenti, ma adesso c’è solo la felicità d’essere 1ui”.
L’edizione 2003 – ha detto Rossella Montemurro, presidente del comitato del premio letterario – ha avuto un buon successo di partecipazione. Energheia è rivolto agli scrittori esordienti, è una vetrina per farsi conoscere. In molti casi, autori che erano entrati nella rosa de finalisti, hanno poi spedito le loro nuove opere, che avevano pubblicato. Ricevere i loro libri, lo consideriamo il “nostro premio”.

Nella foto in alto_Cerimonia di consegna del Premio Energheia 2003