Caricamento in corso
Rassegna Stampa

Cresce l’attesa per il premio Energheia. Stasera in piazza verranno proiettati i cinque cortometraggi finalisti del concorso

Il Quotidiano – Giovedì 11 settembre

Mentre cresce l’attesa per conoscere il vincitore del nono premio letterario Energheia che sarà proclamato sabato in Piazza Sedile a Matera, proseguono gli appuntamenti dell’associazione culturale.
Cinque cortometraggi, i finalisti, del concorso Cortovisioni di Energheia, verranno proiettati questa sera alle 20.30 in piazza Ridola. Per la seconda edizione delle storie raccontate in un cortometraggio, la giuria composta da Gianluigi Trevisi (direttore artistico di Time Zones), Mariolina Venezia (sceneggiatrice) e Francesco Marano (docente in discipline demoetnoantropologiche all’Università di Basilicata), ha designato vincitore il corto “Lo spaventapasseri” della regista romana Elisabetta Bernardini. Il protagonista del corto è un disoccupato che durante i sette minuti della pellicola, forse violando alcune norme etiche si mette d’impegno per migliorare la sua situazione.
Tra glia ltri corti proiettati, le immagini di “Cow” di Marcello Gori (Poggio Mirteto Scalo – Ri), fotogrammi coloratissimi che ricordano un video clip. In due minuti si assiste ai cambiamenti che hanno interessato la mucca negli ultimi trent’anni, dalla mucca Carolina alla mucca pazza.
“Arance di natale” di Virginia Barret di Roma è invece ambientato durante la vigilia di Natale. Una donna di origine slava, accusata di aver rubato delle arance, è interrogata in un commissariato dell’entroterra pugliese. In dieci minuti allegri e spensierati, la protagonista raccontando il suo passato proverà a giustificare il furto.
Stefano Piccchè di Bologna nei nove minuti di “Distorsioni urbane” descrive una giovane donna che al risveglio di uno strano sogno si rende pian piano conto di perdere l’udito a favore di un nuovo modo di sentire, in grado di captare ciò che persone trasmettono.
In “Just be safe”, Elvis Frasca di Ragusa si sofferma su un operaio un po’ svolgiato che svolge le sue quotidiane attività con tanti gesti abitudinari, sottovalutandone la potenziale pericolosità.
Per l’associazione Energheia si tratta di un’altra serata all’insegna della cultura con la presenza dei giurati di Cortovisioni.