Caricamento in corso
Rassegna Stampa

È terminata ieri sera la rassegna “Lentamente” promossa dal dipartimento di Salute mentale

Il Quotidiano – Giovedì 8 luglio

Racconti per giocare con le parole

Presentata l’antologia curata dall’associazione Energheia

Giocare con le parole per inventare storie, scrivere racconti brevissimi o per il cinema: non edizione per la collana “I racconti di Energheia” raccolta degli elaborati finalisti del premio letterario promossa dall’associazione culturale materana.
Il volume (in copertina una foto di Gaetano Plasmati) è stato distribuito martedì e ieri sera a Jazzo Gattini nel corso della rassegna “Lentamente” organizzata da Energheia e dal Dipartimento di salute mentale dell’Asl 4.
Tra i diciassette racconti, il vincitore e i finalisti del premio letterario, del premio “I brevissimi”, il miglior racconto da sceneggiare e il miglior soggetto per cortometraggi oltre ai vincitori delle ultime edizioni dei premi Africa Teller ed Energheia Europe.
“Nove edizioni in undici anni – si legge nella prefazione di Rossella Montemurro, presidente di Energheia – per un premio letterario che ha continuato a crescere affinandosi qualitativamente. Quella di Energheia, all’inizio, poteva sembrare un’impresa azzardata e un po’ troppo utopistica (far scrivere in modo particolare i ragazzi): questo è ancor più vero oggi, in un periodo in cui la scrittura diventa fruibile e tollerabile se breve, veloce ed efficace: un esempio, in tal senso, gli sms e le e.mail dove i concetti sono racchiusi in poche battute, la comunicazione è spesso impoverita dei contenuti e la forma a volte trascurata. Invece, lo dimostrano i racconti pervenuti, scrivere (scrivere semplicemente per passione) non è affatto un privilegio che pochi vogliono continuare a concedersi”.
Nel volume, anche le presentazioni di Antonio Pascale, presidente della giuri della nona edizione del premio, e Nicoletta Dentico, presidente della giuria di Africa Teller.
Ieri sera di è conclusa “Lentamente” con la proiezione dei cortometraggi pervenuti al concorso “Cortovisioni”.
In tanti (ragazzi ma soprattutto famiglie con bimbi al seguito) sotto le stelle, a guardare i filmati. A settembre sarà proclamato il vincitore.